Doppi lavori

La maestra delle elementari aveva dato il compito di descrivere il proprio papà. Il figlio di un Infermiere del nostro Reparto, soprannominato Geppetto, ora in pensione, aveva scritto: “...il mio papà fa il falegname e a tempo perso l’infermiere all’ospedale…” Risate generali ogni volta che si racconta quest’aneddoto.
Un tempo era comune avere un secondo lavoro oltre quello di Infermiere: c’era chi faceva il falegname, chi l’idraulico, chi il muratore. Nell’impegno quotidiano quello dell’infermiere poteva essere veramente un secondo lavoro per tutto il tempo libero che questo lasciava, tra riposi, “smonto notte”, ferie…
Oggi invece l’Infermiere è una figura Professionale che vincola a tempo pieno; molti degli infermieri del nostro Reparto non avrebbero oltre che la voglia nemmeno il tempo per dedicarsi ad un secondo lavoro, occupati come sono negli studi di aggiornamento e di specializzazione.
Tutto questo a vantaggio dei pazienti, che dovrebbero ricevere un’assistenza più qualificata.

Salute e …peggio nun nisse!