Stop alle intercettazioni

Se la legge dovesse essere confermata così com’è al Senato, i pubblici ministeri potranno chiedere di intercettare un indagato soltanto quando hanno già ottenuto quei “gravi indizi di colpevolezza” che giustificherebbero il suo arresto. E allora che bisogno c’è delle intercettazioni? Forse è davvero la morte della giustizia penale, come scrive l’associazione magistrati.

Inoltre non si potrà pubblicare più alcun documento, nessun testo di intercettazione.

Questa legge serve soltanto a contenere le angosce del premier e dei suoi amici, a proteggere le loro relazioni e i loro passi, a salvaguardare il malaffare dovunque sia diffuso e radicato. Per il cittadino che chiede sicurezza e vuole essere informato di quel che accade nel Paese è soltanto una sconfitta che lo rende più debole, più indifeso, più smarrito.

Il procuratore aggiunto di Milano Armando Spataro sconsolato commenta: “Ma come si fa a scrivere una legge così?“.

Alfano

Da La Repubblica

I giornali hanno il dovere di informare
I cittadini hanno il diritto di sapere
Firma l’appello di Repubblica

Salute e …peggio nun nisse.

Per un Parlamento Pulito

Beppe Grillo ieri ha avuto una audizione alla Commissione Affari Costituzionali del Senato per discutere della proposta di legge di iniziativa popolare “Parlamento Pulito” essendo lui il primo firmatario.
Tre le richieste:
– nessun condannato in Parlamento,
– limite di due legislature per ogni parlamentare,
– elezione nominale del candidato.

Grillo ha detto che in Parlamento sono presenti 20 condannati in via definitiva e prescritti come Berlusconi, D’Alema, Andreotti. Che 70 tra i nostri rappresentanti sono condannati in primo e secondo grado o indagati.
“Cuffaro e Dell’Utri sono senatori per meriti giudiziari, condannati in primo grado per relazioni mafiose. Questa Commissione, questo Parlamento, non hanno nulla a che fare con la democrazia. Sei persone hanno deciso i nomi di chi doveva diventare deputato e senatore. Hanno scelto 993 amici, avvocati e scusate il termine, qualche zoccola, e li hanno eletti. Li hanno eletti loro, non i cittadini che non hanno potuto scegliere il loro rappresentante.”
“Oggi, mentre sono qui per chiedere la semplice attuazione della democrazia e il rispetto della Costituzione, oggi viene approvata in Parlamento una legge che limita le intercettazioni e mette il bavaglio all’informazione. Io farò disubbidienza civile. … Teniamo presente che noi abbiamo un centinaio di parlamentari che fanno le leggi ma loro sono dei fuorilegge.”

Salute e …peggio nun nisse.