Stop alle intercettazioni

Se la legge dovesse essere confermata così com’è al Senato, i pubblici ministeri potranno chiedere di intercettare un indagato soltanto quando hanno già ottenuto quei “gravi indizi di colpevolezza” che giustificherebbero il suo arresto. E allora che bisogno c’è delle intercettazioni? Forse è davvero la morte della giustizia penale, come scrive l’associazione magistrati.

Inoltre non si potrà pubblicare più alcun documento, nessun testo di intercettazione.

Questa legge serve soltanto a contenere le angosce del premier e dei suoi amici, a proteggere le loro relazioni e i loro passi, a salvaguardare il malaffare dovunque sia diffuso e radicato. Per il cittadino che chiede sicurezza e vuole essere informato di quel che accade nel Paese è soltanto una sconfitta che lo rende più debole, più indifeso, più smarrito.

Il procuratore aggiunto di Milano Armando Spataro sconsolato commenta: “Ma come si fa a scrivere una legge così?“.

Alfano

Da La Repubblica

I giornali hanno il dovere di informare
I cittadini hanno il diritto di sapere
Firma l’appello di Repubblica

Salute e …peggio nun nisse.