Il freddo continua

Stiamo uscendo dai cosiddetti “giorni della merla”, i più freddi dell’anno, cioè gli ultimi tre giorni di gennaio.

Il nome deriverebbe da una leggenda secondo la quale, per ripararsi dal gran freddo, una merla e i suoi pulcini, in origine bianchi, si rifugiarono dentro un comignolo, dal quale emersero il 1º febbraio, tutti neri a causa della fuliggine. Da quel giorno tutti i merli furono neri.
Secondo la leggenda, se i “giorni della merla” sono freddi, la Primavera sarà bella, se sono caldi la Primavera arriverà in ritardo.
É attesa un’ulteriore diminuzione delle temperature e da questa sera le nevicate si dovrebbero estendere dalle regioni del centro-nord a quelle meridionali, fino a quote basse.

Secondo PerugiaMeteo.it però ”LA FASE FREDDA, A DIFFERENZA DI QUANTO SEGNALATO PRECEDENTEMENTE, NON E’ PIU’ PREVISTA PER I PRIMI GIORNI DELLA PROSSIMA SETTIMANA, SEBBENE FARA’ PIUTTOSTO FREDDO, SPECIE NEI VALORI MINIMI. L’ONDATA DI GELO POTREBBE PERO’ RIPRESENTARSI SULLA NOSTRA REGIONE [Umbria] INTORNO AL 6 FEBBRAIO IN QUANTO LA CIRCOLAZIONE GENERALE DELL’ATMOSFERA SULL’EUROPA E’ ANCORA FAVOREVOLE AD UNA DISCESA DI ARIA FREDDA DALLA RUSSIA VERSO IL MEDITERRANEO.“

La Protezione civile ha già lanciato l’allerta meteo.

Salute e …peggio nun nisse.

Italia nella lista della vergogna

Bill Gates accusa l’Italia di fare troppo poco per i paesi poveri e punta di nuovo il dito contro il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, accusandolo di trascurare i paesi più bisognosi. “Nella comunità internazionale c’è solo un paese che ha ridotto gli aiuti allo sviluppo e questo è l’Italia”. Gates ha inoltre osservato: “I ricchi spendono molto di più per i loro problemi personali, come la calvizie, che per la lotta contro la malaria“.

Probabilmente perché Berlusconi ancora non ha avuto la malaria…

Salute e …peggio nun nisse.

Rallenta la velocità con cui mangi

A dieta controllando la velocità con cui l’alimento viene rimosso dal piatto. Il mandometro è una sorta di bilancia portatile che, posizionata sotto il piatto contenente la pietanza, è in grado di monitorare la modalità secondo cui questa viene consumata. Il suo collegamento a un computer consente l’elaborazione di un grafico che esprime la velocità a cui l’alimento viene rimosso dal piatto. Nel caso in cui venga oltrepassato il limite massimo di velocità prefissato, l’apparecchio invia segnali di allarme affinché l’utente modifichi la sua velocità di assunzione del cibo. Secondo uno studio pubblicato sul British Medical Journal da un gruppo di ricercatori del Bristol Royal Hospital for Children questo dispositivo elettronico è efficace per tenere sotto controllo la velocità con cui i bambini mangiano durante i pasti principali; questo rappresenterebbe una valida strategia, in aggiunta all’adozione di sane abitudini alimentari, per combattere l’obesità infantile.

Fonte: BMJ. 2009 Jan 5;340:b5388. doi: 10.1136/bmj.b5388

Salute e …peggio nun nisse.

Giurin giurello

La procura di Milano ha chiuso l’inchiesta Mediatrade-Rti sulle presunte irregolarità nella compravendita di diritti televisivi con l’obiettivo, secondo il pm Fabio De Pasquale, di creare fondi neri. Le persone indagate sono in tutto 12, tra cui, oltre il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, il figlio Pier Silvio per suoi incarichi di presidente di Rti e vice presidente di Mediaset, con l’accusa di frode fiscale.

Piersilvio Berlusconi: “Di questi fondi neri non so nulla. Lo giuro sulla testa di mio padre”.

Salute e …peggio nun nisse.

Meglio l'Italia in malora che Berlusconi in galera?

Via libera al Senato sul provvedimento “Salva Berlusconi” denominato, impropriamente, del “processo breve”. Le norme si applicano anche ai processi in corso. Pertanto con il processo breve viene decretata la fine di migliaia di processi penali e quindi sarà negata una qualsiasi speranza di giustizia per migliaia di cittadini.
Come ha detto Leoluca Orlando, è una “legge-vergogna” che rappresenta un colpo mortale inferto alla cultura della legalità e a uno Stato di diritto che l’attuale maggioranza sta trasformando in stato di impunità per i criminali.
Ora se in Italia qualcuno pensa di avere risposta dallo Stato, sa che spesso potrà non averla. E chi al contrario percorre strade trasversali alla legalità avrà la consapevolezza di potersela cavare.

É vero che la lentezza della macchina giudiziaria italiana è scandalosa e bisogna velocizzare i processi, ma occorre renderla più efficiente, mettendola in grado di funzionare.
Credo si sta diffondendo un senso di impunità.

Berlusconi ha annunciato che sta valutando la possibilità di non presentarsi in tribunale per i processi che lo riguardano. “I miei avvocati – ha detto il premier – insistono a dire che se andassi mi troverei di fronte non delle Corti giudicanti ma dei plotoni di esecuzione”.

Salute e …peggio nun nisse.

Teoria della stupidità

Carlo Maria Cipolla (Pavia, 1922 – 2000) è stato uno storico italiano, specializzato in storia economica. Tra le altre cose formulò la teoria della stupidità nel suo libro Allegro ma non troppo (1988).

Egli indagò il comportamento umano considerando due variabili:
1. Danni o vantaggi che l’individuo reca a sé stesso,
2. Danni o vantaggi che l’individuo reca alla collettività.

Studiando l’incrocio di queste variabili in un diagramma cartesiano, secondo le diverse transazioni possibili, Cipolla individuò quattro categorie di persone:

L’asse X rappresenta il vantaggio (o svantaggio) che una persona ottiene dalle proprie azioni.
L’asse
Y rappresenta il beneficio (o danno) causato ad altri dalle azioni di quella persona.

I intelligente: vantaggi a sé e agli altri;
B bandito: vantaggi a sé e svantaggi agli altri;
S stupido: svantaggi a sé e agli altri;
H sprovveduto: svantaggi a sé e vantaggi agli altri.

Cipolla teorizza cinque leggi fondamentali della stupidità umana:

  1. Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero di individui stupidi in circolazione;
  2. La probabilità che una certa persona sia stupida è indipendente da qualsiasi altra caratteristica della stessa persona;
  3. Una persona stupida è una persona che causa un danno ad un’altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita;
  4. Le persone non stupide sottovalutano sempre il potenziale nocivo delle persone stupide. In particolare i non stupidi dimenticano costantemente che in qualsiasi momento e luogo, ed in qualunque circostanza, trattare e/o associarsi con individui stupidi si dimostra infallibilmente un costosissimo errore;
  5. La persona stupida è il tipo di persona più pericolosa che esista.

Quest’ultima legge ha un corollario: ”lo stupido è più pericoloso del bandito”.
Ulteriori considerazioni: ”La persona intelligente sa di essere intelligente. Il bandito è cosciente di essere un bandito. Lo sprovveduto è penosamente pervaso dal senso della propria sprovvedutezza; al contrario di tutti questi personaggi, lo stupido non sa di essere stupido”.

Gustave Flaubert: «Stupido è chiunque non la pensi come me».
Fruttero & Lucentini: «Per lo stupido il cretino è sempre l’altro».

Sono consapevole di quanto sono, o sono stato, stupido: questo indica che non sono completamente stupido…

Salute e …peggio nun nisse.

Peso forma

In Italia

Il peso forma (o peso normale, peso teorico, peso ideale, normopeso) è il valore del peso corporeo umano più indicato per la salute e varia da individuo a individuo; diverse sono le definizioni a seconda delle discipline che lo trattano.
In medicina convenzionale, per esempio, si utilizzano diversi parametri:

  • per i bambini e per i giovani, il peso ideale si calcola in percentili (valori standard calcolati in base a età e sesso dei bambini)
  • la formula di Bernhardt (altezza corporea x circonferenza torace / 240)
  • la formula di Broca (altezza corporea – 100)
  • Indice di Massa Corporea IMC (peso corporeo / altezza corporea2)

In medicina nutrizionale il peso forma è un importante dato biometrico che servirebbe per valutare rischi cardiovascolari e generali di mortalità e aspettative di sopravvivenza.

Nel calcolo del peso ideale risulta importante conoscere il tipo di corporatura, che può essere brevilinea (ossatura grossa o pesante), normolinea (ossatura media) oppure longilinea (ossatura piccola o leggera). Questo può essere fatto dividendo la statura (in centimetri) per la circonferenza del polso destro alla base della mano (in centimetri):

………………………………statura (cm)

Tipo Morfologico = _____________________

……………………….Circonferenza polso (cm)


Occorre poi confrontare il risultato con i dati riportati in tabella:


Tipo morfologico Uomo Donna
Brevilineo Meno di 9,6 Meno di 9,9
Normolineo 9,6 – 10,4 9,9 – 10,9
Longilineo Più di 10,4 Più di 10,9


Nella categoria dei longilinei il peso forma precedentemente calcolato è troppo alto, occorre ridurlo del 5%; nella categoria dei brevilinei il peso forma ideale è superiore a quello indicato e bisogna aumentarlo del 5%.

Salute e …peggio nun nisse.

Che Stato è questo

NEI GHETTI D’ITALIA QUESTO NON È UN UOMO

Di nuovo, considerate di nuovo
Se questo è un uomo,
Come un rospo a gennaio,
Che si avvia quando è buio e nebbia
E torna quando è nebbia e buio,
Che stramazza a un ciglio di strada,
Odora di kiwi e arance di Natale,
Conosce tre lingue e non ne parla nessuna,
Che contende ai topi la sua cena,
Che ha due ciabatte di scorta,
Una domanda d’asilo,
Una laurea in ingegneria, una fotografia,
E le nasconde sotto i cartoni,
E dorme sui cartoni della Rognetta,
Sotto un tetto d’amianto,
O senza tetto,
Fa il fuoco con la monnezza,
Che se ne sta al posto suo,
In nessun posto,
E se ne sbuca, dopo il tiro a segno,
“Ha sbagliato!”,
Certo che ha sbagliato,
L’Uomo Nero
Della miseria nera,
Del lavoro nero, e da Milano,
Per l’elemosina di un’attenuante
Scrivono grande: NEGRO,
Scartato da un caporale,
Sputato da un povero cristo locale,
Picchiato dai suoi padroni,
Braccato dai loro cani,
Che invidia i vostri cani,
Che invidia la galera
(Un buon posto per impiccarsi)
Che piscia coi cani,
Che azzanna i cani senza padrone,
Che vive tra un No e un No,
Tra un Comune commissariato per mafia
E un Centro di Ultima Accoglienza,
E quando muore, una colletta
Dei suoi fratelli a un euro all’ora
Lo rimanda oltre il mare, oltre il deserto
Alla sua terra
-“A quel paese!”
Meditate che questo è stato,
Che questo è ora,
Che Stato è questo,
Rileggete i vostri saggetti sul Problema
Voi che adottate a distanza
Di sicurezza, in Congo, in Guatemala,
E scrivete al calduccio, né di qua né di là,
Né bontà, roba da Caritas, né Brutalità, roba da affari interni,
Tiepidi, come una berretta da notte,
E distogliete gli occhi da questa
Che non è una donna
Da questo che non è un uomo
Che non ha una donna
E i figli, se ha figli, sono distanti,
E pregate di nuovo che i vostri nati
Non torcano il viso da voi.

ADRIANO SOFRI


Salute e …peggio nun nisse.

Alla ricerca della forma perduta

La Coldiretti ha stimato che durante le feste gli italiani si sono appesantiti in media di un paio di chili: ognuno ha assunto circa 15-20.000 kilocalorie in più per aver consumato maggiormente cibi calorici, abbinati agli alcolici ed alla rinuncia ad alimenti come frutta e verdura.
Ed allora via con una dieta e un po’ di movimento per tornare in forma.


Per impostare un corretto regime alimentare bisogna sapere innanzitutto di quante calorie necessita il nostro corpo per mantenere il Bilancio Calorico, ovvero quello stato in cui le calorie introdotte sono uguali a quelle spese (mantenimento del peso corporeo attuale).
Il fabbisogno calorico di un individuo dipende dall’età, dal sesso, dalla taglia, dallo stile di vita, soprattutto dalla quantità di attività fisica, dalla struttura corporea e da fattori ereditari.
Una stima del Fabbisogno Calorico Giornaliero può essere fatta sommando le calorie utilizzate da tre fattori:
1. Metabolismo basale ->
è facilmente calcolabile con l’equazione di Harris-Benedict e varia in relazione al sesso:
– MASCHI:  66,473 + (13,7516 x peso in kg) + (5,0033 x altezza in cm) – (età x 6,755)
– FEMMINE: 655,095 + (9,563 x peso in kg) + (1,8496 x altezza in cm) – (età x 4,6756)
2. Effetto termico dei cibi (cioè la quantità di energia che il corpo necessita per digerire il cibo; stimabile nel 10 % delle calorie introdotte)
3. Attività fisica/esercizio fisico (ogni movimento, ogni contrazione muscolare richiede energia. Esistono varie tabelle che riportano l’energia richiesta per svolgere le diverse attività fisiche).

Se si vuole evitare di calcolare le calorie consumate durante le attività della giornata, si può avere una stima del Fabbisogno Calorico Giornaliero moltiplicando il Metabolismo Basale per un coefficiente:
1,4 se la persona svolge un lavoro sedentario e non pratica regolare esercizio fisico
1,6 se la persona svolge un lavoro con moderata attività fisica e compie esercizio fisico almeno 3 gg alla settimana
1,8 se la persona svolge un lavoro faticoso e pratica regolarmente esercizio fisico.

Per la maggior parte delle persone il sistema migliore per dimagrire consiste nel combinare:
– una modesta riduzione dell’apporto calorico giornaliero attraverso la dieta alimentare (300-800 kcal);
– incremento dell’attività fisica e/o dell’esercizio fisico, soprattutto aerobico.

L’energia giornaliera deve essere apportata dai principi nutritivi contenuti negli alimenti ed essere mediamente così suddivisa:
– proteine: il 10-20 % delle Kcal totali.
– lipidi: il 15-30 % (di cui 8-10 % da grassi saturi).
– carboidrati: il 55-65 %, preferibilmente sotto forma di carboidrati complessi; gli zuccheri semplici non dovrebbero superare il valore del 10 %.

Per perdere peso la dieta deve essere necessariamente ipocalorica (introduciamo meno calorie rispetto al fabbisogno).

Mediamente, per smaltire un 1 kg di tessuto adiposo dobbiamo bruciare 7.700 kcal.

Per esempio: se volessi perdere 3 Kg dovrei bruciare 23.100 Kcal (7.700 x 3); potrei ricorrere alla combinazione di una riduzione dell’apporto calorico giornaliero (- 400 calorie al giorno) ed ad un incremento dell’esercizio fisico giornaliero (- 370 calorie al giorno): in tal modo, impiegherei 30 giorni (23.100/770) per perdere 3 Kg.

Occorre ricordare che ci sono dei fenomeni che contribuiscono a modificare il metabolismo di una persona:
– il primo è un Meccanismo di Difesa, che il nostro organismo mette in moto quando si è in regime dietetico a basso contenuto calorico; in questo caso il metabolismo viene ridotto per farci consumare meno.
– il secondo è un Meccanismo di Adattamento: se un soggetto scarsamente allenato compie una corsa tende ad innalzare il suo metabolismo; se si allena diverse volte a compiere la stessa corsa, tenderà a bruciare meno a parità di distanza e intensità.

La dieta non deve essere considerata solo un mezzo per dimagrire. Dobbiamo vederla, piuttosto, come un’occasione per imparare a mangiare nel modo giusto per tutta la vita.
Ciò che premia nelle diete così come nell’esercizio fisico è la costanza e la tenacia.
Talvolta, possono essere necessari diversi mesi per perdere determinati kg di peso in eccesso. Perciò necessita tanta pazienza.

In presenza di uno dei seguenti elementi è consigliabile consultare un medico prima di iniziare una dieta dimagrante:
· Peso superiore di 10 kg al normale
· Siete stati in soprappeso per la maggior parte della vostra vita
· Siete in gravidanza
· Siete una bambina o una adolescente
· Presenza di ipertensione, diabete, colesterolo alto, disturbi emozionali
· Siete intenzionati a ricorrere a anoressanti o altri farmaci
· A dieta già in corso, comparsa di sintomi quali nausea, depressione, dolori toracici.

Salute e …peggio nun nisse.