Attività senza crisi e con prezzi in aumento

Da un’indagine del Codacons realizzata in tre città italiane (Roma, Milano e Napoli), è emerso che la prostituzione in Italia ha registrato un incremento dei prezzi delle prestazioni fino al 40% nel 2010, dovuto al divieto e ai controlli sulle strade. Ma già con l’introduzione dell’euro i prezzi erano aumentati quasi del 150%.
É stato rilevato che il 40% delle prostitute sono donne cinesi, solo il 25% italiane. Nel 20% dei casi si tratta di donne provenienti dall’est, nel 12% sudamericane e nel restante 3% di altre nazionalità.

Come era prevedibile, le cinesi, quasi sempre donne tra i trenta e i quaranta anni, applicano delle tariffe davvero concorrenziali, probabilmente anche perché meno avvenenti delle colleghe dell’est e meno curate di chi riceve in appartamento.
In media si va dai 30/40 euro per una “sveltina” con una orientale in un fatiscente centro massaggi in periferia o con una ragazza dell’est rimasta in strada e si consuma in macchina; occorrono da 100 a 150 euro se si preferisce un’italiana o una sudamericana, con le quali intrattenersi più a lungo in appartamento, fino a 500 euro per l’intera notte, previo accordo numero fisso di atti sessuali.

Il 25% dei clienti ha tra i diciotto e i venticinque anni, il 45% tra i venticinque e i cinquant’anni e il 30% oltre i cinquanta. Gli ultracinquantenni prediligono andare a trovare le professioniste nei loro appartamenti, mentre sempre più giovani, prima attratti dal richiamo della strada, stanno scoprendo i piaceri dei centri massaggi.


Salute e …peggio nun nisse.