Nel rispetto della Costituzione italiana

La Consulta è stata più volte accusata negli ultimi anni dal premier Silvio Berlusconi di essere schierata, in particolare dopo le sentenze relative al “Lodo Alfano” (sull’immunità delle alte cariche dello Stato) e alla legge sul legittimo impedimento.
Il presidente della Corte Costituzionale Ugo De Siervo ha difeso il ruolo e l’indipendenza dell’organo che presiede: «È denigratorio e gravemente offensivo sostenere che i 15 giudici della Consulta giudicherebbero sulla base di loro asserite appartenenze politiche. La più larga libertà di confronto fra tutti i giudici e l’integrale collegialità delle determinazioni fanno sì che le decisioni che vengono infine adottate rappresentano il punto di arrivo di un organo sicuramente imparziale». Il presidente ha ricordato che gli esponenti della Consulta «sono appositamente scelti da organi diversi: presidente della Repubblica, Parlamento, supreme magistrature, ed entro categorie professionali particolarmente qualificate, in modo da garantire la loro più larga indipendenza di giudizio. … Inoltre i giudici entrano in carica dopo aver giurato di osservare la Costituzione e le leggi».

Il ministro degli Esteri Franco Frattini ha replicato: «Rispettiamo la Corte Costituzionale quale organismo di garanzia, ma credo che abbiamo il diritto di criticare politicamente decisioni che si prestano a critiche». [!?!]

Se si conoscesse e si rispettasse la Costituzione italiana non si accuserebbe la Consulta di essere di parte e di decidere tutto contro Berlusconi.
Sarebbe meglio poi che il premier si servisse di persone un po’ più qualificate che sapessero formulare leggi nel rispetto della nostra Costituzione…

Salute e …peggio nun nisse.