Smascherato il bluff del governo

Silvio Berlusconi, nella conferenza stampa seguita al vertice italo-francese a Villa Madama, ha detto: “Siamo assolutamente convinti che l’energia nucleare sia il futuro per tutto il mondo. … Il disastro di Fukushima ha spaventato i nostri cittadini. Se fossimo andati oggi al referendum, non avremmo avuto il nucleare in Italia per tanti anni. Per questo abbiamo deciso di adottare la moratoria, per chiarire la situazione giapponese e tornare tra due anni a un’opinione pubblica conscia della necessità nucleare”.

Da varie parti ovviamente lo sdegno e la denuncia dell’intenzione del governo di voler prendere in giro gli italiani.
Anche per Greenpeace “le dichiarazioni di Berlusconi “svelano il segreto di Pulcinella: la moratoria sul nucleare è una vergognosa pagliacciata per evitare il referendum del 12 giugno”.
Il Wwf afferma che “la volontà popolare non deve essere ignorata, o si mette una pietra tombale sul nucleare oppure si va al voto con il referendum”.

Invece del silenzio forzato, sarebbe stata più corretta un’informazione adeguata, e la successiva scelta del popolo rispettata.

Salute e …peggio nun nisse.