Attratti dal mondo virtuale


Secondo una ricerca britannica condotta da Opinion Research per conto di Halifax Digital Home Index gli adolescenti di oggi sono sempre più attratti dal mondo virtuale e sempre più lontani da quello reale, per l’uso eccessivo di telefonini e tablet e in generale dei nuovi dispositivi elettronici.
L’indagine ha rilevato che due terzi dei ragazzi tra i 7 e i 17 anni possono usare dispositivi elettronici a letto e un terzo dei bambini sotto dei 9 anni controlla i messaggi più volte all’ora. Il 40% dei bambini invia messaggi anche quando deve dire qualcosa a un membro della famiglia che si trova nella stessa casa. Ma anche la maggioranza degli adulti comunica attraverso messaggi con altre persone che si trovano nello stesso edificio.

Sono i genitori che non esercitano nessun tipo di controllo sui figli, e spesso forniscono l’esempio negativo: uno su quattro si porta telefonino e tablet a letto e uno su dieci persino in bagno, mentre sette su dieci confessano di iniziare la giornata lavorativa controllando email e social network.

È stato calcolato che un bambino che nasce oggi, a sette anni avrà già passato un anno intero (considerando giorni di 24 ore) davanti a uno schermo, piccolo o grande che sia; a 80 anni ne avrà impiegati 18 (un quarto della vita) a inviare email, foto e messaggi non legati alla propria attività lavorativa.

L’uso assiduo dei dispositivi elettronici secondo gli esperti rischia di fare crescere bambini incapaci di avere veri rapporti umani.

Salute e …peggio nun nisse.