Berlusconi sempre più ricco

La crisi economica è talmente grave che nel 2009 Berlusconi ha guadagnato solo poco più di 23 milioni di euro.


Il reddito di Silvio Berlusconi del 2009 è stato infatti di 23.057.981 euro.

Il presidente del Consiglio si conferma così il più ricco tra i parlamentari della Repubblica.
Rispetto all’anno precedente il reddito del presidente del Consiglio cresce di 8,5 milioni di euro.

Aveva ragione il premier quando insisteva sulle origini «psicologiche» della crisi e andava ripetendo “Ottimismo, ottimismo, ottimismo. Perché senza ottimismo non si va da nessuna da parte”.

Il ministro dell’Economia Giulio Tremonti nella dichiarazione 2009 relativa ai redditi del 2008 ha dichiarato soltanto 39.672 euro. Il ministro dell’Economia risulta avere un reddito complessivo di 176.897 euro ma con oneri deducibili per 137.225 euro e un credito di imposta di 70.376. Con tale imponibile, Tremonti risulta il ministro e il deputato con il secondo reddito più basso.

Sicuramente Tremonti non è stato ottimista quanto Berlusconi; oserei pensare che invece sia stato piuttosto pessimista

Ormai l’impegno non è quello di accumulare ancora soldi, quanto quello di non finire in galera!

Salute e …peggio nun nisse.

Il peggio è passato

Berlusconi sulla crisi:

“Il peggio è passato” (RaiNews 24, 16 maggio 2009);


“Il peggio è passato” (SkyTg 24, 3 luglio 2009);


“Il peggio è passato” (Repubblica.it, 29 ottobre 2009).

bender-applause
Che figata. Ora che sono disoccupato ho così tanto tempo che posso tenermi aggiornato sull’andamento della crisi. (Radu Gabriel Tanasescu)

da La Palestra 30 ottobre 2009 nel sito di Daniele Luttazzi

Salute e …peggio nun nisse.

Su con la vita…

È stata pubblicata sulla rivista scientifica Circulation una ricerca durata otto anni su un campione di 100 mila donne Usa che ha evidenziato un’associazione tra ottimismo e condizione di salute, dimostrando che un’elevata e prolungata situazione di negatività è rischiosa per la salute. In particolare chi manifesta pensieri ostili verso gli altri e verso il futuro ha il 16 per cento di possibilità in più di ammalarsi di una malattia mortale, mentre le ottimiste soffrono meno di patologie cardiovascolari (9%).

Probabilmente l’ottimismo risulta prezioso nelle situazioni avverse e consente di prendersi meglio cura di sé in caso di malattia. È anche possibile che le donne che si sono dichiarate ottimiste fossero più sportive, meno fumatrici e più magre delle pessimiste.

In definitiva bisogna essere ottimisti (come dice sempre quel tale)…

Salute e …peggio nun nisse.