Probabili problemi di "aviopenia"…

É stato presentato al 22esimo meeting annuale dell’Associated Professional Sleep Societies uno studio statunitense realizzato da un’equipe dell’università di Pittsburgh guidata da Wendy Troxel, condotta su 1.938 donne, età media 46 anni (il campione era composto per il 51% da caucasiche, 20% afro-americane, 9% ispaniche, 9% cinesi e 11% giapponesi).

Secondo questa ricerca le donne bianche che vivono un matrimonio felice hanno minori difficoltà a prendere sonno e più raramente capita loro di svegliarsi nella notte per restare ad occhi spalancati fino al mattino o a scender giù dal letto ben prima del trillo della sveglia. Molti più problemi sotto le lenzuola per le bianche con un divorzio alle spalle.

A tutte, senza alcuna distinzione di razza o etnia, alcuni consigli per assicurarsi notti serene:

  • innanzitutto, darsi una certa routine nell’andare al letto;

  • rilassarsi, lasciare le ansie e i problemi fuori dalle lenzuola;

  • evitare, in serata e nel tardo pomeriggio, bevande ricche di caffeina o medicine cariche di stimolanti;

  • non andare a letto affamate ma neanche con la pancia troppo piena;

  • non fare esercizio fisico nelle 6 ore che precedono l’ora di andare al letto;

  • rendere la propria camera un ambiente scuro, confortevole e quieto;

  • svegliarsi, al mattino, sempre alla solita ora.

Salute e …peggio nun nisse.